lunedì 20 febbraio 2017

Proposta alternativa ai ristoranti stellati...


Sicuramente ci sarà chi la prenderà come una provocazione, ma seguitemi nella disamina e provate a simpatizzare con la mia idea.

Non tutti - anzi pochi in realtà - hanno la possibilità di provare la soddisfazione od esaudire il desiderio di mangiare in un ristorante stellato.

Difficile immaginare per tanti la possibilità di spendere 2-300 euro a testa per un "percorso di degustazione".

Come ovviare? Seguitemi nel ragionamento.

Ormai la maggioranza degli chef stellati è diventata così famosa da non presenziare quasi più in cucina - o almeno la probabilità di vedersi preparare il pasto da altri, che non lo chef titolare/titolato che appare nell'insegna del locale o all'interno dei menu - è elevata. 
Molti - non discuto se giustamente o meno - contestano proprio questo aspetto della questione: perché pagare tali cifre se i piatti presentati non sono stati realizzati fisicamente da tali guru della ristorazione? 
Gli chef rispondono che hanno ideato loro stessi i piatti e che ripongono assoluta fiducia nei cuochi che fanno parte delle loro brigate di cucina. 
Al che i suddetti detrattori ribattono che un'opera d'arte realizzata da un allievo della bottega di un artista, può essere bella e valente di sicuro, ma né gli storici o critici d'arte, né tanto meno il mercato, attribuirebbe a quell'opera lo stesso valore se l'avesse realizzata l'artista titolare, di suo pugno. Tradotto in breve: un quadro - realizzato da un allievo di Leonardo - pur con le indicazioni del Maestro - non è di certo una sua opera....di conseguenza nessuno lo pagherà tanto quanto quella realizzata da Leonardo stesso.

Dove voglio andare a parare? Continuate a seguirmi.

Ogni chef che si rispetti (e anche che non si rispetti) ha scritto un libro di sue ricette, e di cuochi/chef talentuosi ma sconosciuti, ce ne sono - per fortuna - parecchi. In un ristorante stellato capita sempre più spesso, causa impegni televisivi, di promozione e quant'altro, che la cucina sia affidata ad altri.
Qual è quindi l'idea?

Perché non creare dei ristoranti "para-stellati"? Mi spiego.

Si apre un ristorante assumendo una brigata volenterosa e di talento. Ogni mese, si prende il libro di un chef stellato e se ne replicano le ricette, intitolandogli il ristorante. Una cosa tipo..."Da Clacco" oppure "Ostelia Flancescana" se si vuol essere ironici - molto ironici - oppure una sotto-insegna col nome ideato per il ristorante, con "oggi la cucina di...[mettere nome dello chef]".

Quali sarebbero quindi i vantaggi? 
Poter provare una cucina "stellata" ad un prezzo abbordabile dai più. 

Immaginate avere in città un ristorante che ogni tot giorni/settimane può proporre la cucina di un grande chef e il periodo successivo quello di un altro. 
Non solo si sperimenterebbero le realizzazioni di tanti eccellenti personaggi, ma ci si risparmierebbe anche la spesa di dover peregrinare in giro per l'Italia o all'estero, per raggiungere ognuno di essi. E magari si ridurrebbero - e di molto - anche i tempi di attesa per le prenotazioni. 

Che dite...è una buona idea? Non c'è nessuno che voglia realizzarla? 



Il Fummelier c



4 commenti:

  1. a mio avviso non hai mai calcato una cucina, per replicare certi piatti stellati serve personale qualificato, e tanto personale, altrimenti non garantisci una qualità al servizio che fai, e questo personale lo devi pagare, ergo, se un piatto stellato costa 40-70 euri, se sei bravo riesci ad abbassare di un 20%, NE VALE LA PENA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buffo...e si che è facilmente visibile, essendo il post immediatamente precedente a questo :-D

      https://fummelier.blogspot.it/2017/02/del-perche-ascolto-solo-chi-ha-nome-e.html

      Elimina
  2. Forse cambiare menù ogni mese potrebbe essere un problema per un ristorante e la sua brigata: imparare nuovi piatti ed eseguirli a regola d'arte nei tempi stretti di una cucina è difficile, difficile anche fidelizzare la clientela abituandola a questi cambiamenti... però l'idea di base è buona ed interessante, proporre nel menù piatti d'autore può rivelarsi una scelta vincente e di sicuro innovativa e assolutamente unica.

    RispondiElimina
  3. Mi piace davvero leggere il tuo post. Grazie mille per avervi dato la possibilità di condividere una bella informazione. Aggiungerò sicuramente fantastici post nella mia sezione dell'articolo.
    menù dei ristoranti

    RispondiElimina

I commenti sono soggetti a moderazione antispam. Saranno quindi pubblicati dopo verifica. Grazie